Domenica 26 novembre 2023
Circolo dei lettori
via Bogino 9 (Torino)



per info:
progetti@piemontedalvivo.it

Talk

Apertura della giornata

Circolo dei lettori, Sala Grande | LINGUA: ITA

+

Saluti istituzionali e apertura della giornata con incontri e dibattiti sul mondo dello spettacolo dal vivo ibridato con le nuove tecnologie.

Domenica 26
10:00 - 10:30
Lab

Infinite Dance Loop

con Kamilia Kard (artista)

Circolo dei lettori, Biblioteca | LINGUA: ITA

+

Ambientato sulla piattaforma di Roblox, i partecipanti interagiranno all’interno della mappa “Infinite Dance Loop” formando gruppi di danza che si attivano in maniera collettiva all’interno di cerchi in cui la collaborazione tra avatar diventa elemento necessario per far partire il loop coreografico. Infinite Dance Loop sottolinea in maniera positiva il potere dell’azione della community per l’attivazione di alcune dinamiche sociali, ma non solo, il progetto racconta – sempre attraverso la danza – come alcune azioni o concetti riescano a diffondersi rapidamente diventando delle vere e proprie tendenze offline e online.

Domenica 26
10:00 - 10:45
Talk

Politiche, bandi, incentivi etc.

Circolo dei lettori, Sala Grande | LINGUA: ITA

+

Lo spettacolo digitale dal vivo ha bisogno di supporti istituzionali come interventi specifici e bandi. Iniziamo a parlarne di alcune specifiche politiche del MIMIT.

Domenica 26
10:30 - 11:00
Talk

Il libro bianco dello spettacolo digitale dal vivo

Intervengono: Simone Arcagni (Università di Palermo e direttore scientifico onLive campus), Anna Maria Monteverdi (Università di Milano e ADV Arti Digitali dal Vivo) e Antonio Pizzo (Università di Torino e ADV Arti Digitali dal Vivo)

Circolo dei lettori, Sala Grande | LINGUA: ITA

+

Il libro bianco su “spettacolo digitale dal vivo in Italia” a cura di Simone Arcagni e Lucio Argano e la collaborazione di ADV tratta della prima mappatura dello spettacolo digitale dal vivo in Italia. Uno studio a più mani che vede la partecipazione di studiosi, ricercatori e operatori del settore e che permetterà di storicizzare il panorama contemporaneo e soprattutto di mettere in evidenza i processi, le specifiche e i problemi del settore.

Domenica 26
11:00 - 11:50
Lab

SEPHIROT® PERFORMANCE e il game design per lo spettacolo dal vivo

Intervengono: Alessandro Anglani (CEO di CHRONES. e autore del sistema SEPHIROT®, main speaker) e Carla Andolina (COO di CHRONES. e performer per il sistema SEPHIROT®, demo assistant)

Circolo dei lettori, Biblioteca | LINGUA: ITA

+

L’intervento si aprirà con una presentazione a slide che partirà dalla provocazione: “È possibile fare teatro in VR?”. Inviteremo il pubblico a partecipare a questa discussione, aprendo un dialogo che esplorerà i confini dell’arte teatrale e delle nuove tecnologie immersive. Successivamente, presenteremo il caso di studio del nostro progetto SEPHIROT® PERFORMANCE, che fonde le tradizionali convenzioni teatrali con il game design di gioco di ruolo, integrando al contempo AI e VR per creare performance interattive immersive ibrido-digitali. Condurremo i partecipanti attraverso il processo creativo di creazione iperdrammaturgica, svelando come queste tecnologie e la scrittura ipertestuale possano comunicare in modo estremamente fruttuoso. Al termine è prevista una demo del nostro SEPHIROT® VR GAME, prototipo in realtà virtuale della nostra esperienza multigiocatore.

Domenica 26
11:00 - 11:45
Performance

Tiny Uppercase – Bestiario Virtuale

Produzione Balletto Teatro di Torino / Creazione e drammaturgia originali Carlo Massari - C&C Company / Diario drammaturgico Francesca Rosso - Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico / Progettazione VR&UX Davide Borra / Produzione 3D&VR No Real Interactive srl, AT Media srl, Motion Pixel / Video Matteo Maffesanti / Soundscape design Max Viale - Luca Martone / Sound mix-fonico live Luca Martone / Light design Ermanno Marini / Costumi Majatai / Progettista culturale Ewa Gleisner / In collaborazione con Istituto Musicale Città di Rivoli “Giorgio Balmas” nell’ambito di “Scene dal Vivo 22/23” / Con il sostegno di Fondazione Compagnia di San Paolo – Maggior sostenitore, Fondazione CRT / Con il contributo di Ministero della Cultura, Regione Piemonte, Comune di Torino - Torino Arti Performative

Circolo dei lettori, Sala Musica, Artisti

+

Prova l’esperienza in VR di Tiny Uppercase – Bestiario Virtuale del Balletto Teatro di Torino
Dal 6 dicembre al 9 gennaio sarà disponibile per il pubblico nella sala VR del Museo Nazionale del Cinema di Torino

Danza, musica, ricerca, realtà virtuale: la fusione di linguaggi performativi con le nuove tecnologie per dare vita alla produzione multidisciplinare “Tiny Uppercase – Bestiario Virtuale”. L’immersione in una vita altra: nel suo privato, nel suo intimo, il “dietro le quinte”. Un’esperienza soggettiva che offre l’opportunità di conoscere cinque umanità, cinque storie, universi differenti.

Tiny è un rituale-virtuale condiviso, dove non si resta spettatori passivi: si instaura un dialogo attivo a stretto contatto con il/la performer dentro il quale i limiti tra reale e virtuale, tra verità e fantasia, vacillano, si oltrepassano e il mezzo tecnologico diviene strumento per avvalorare ed esaltare il potere delle relazioni umane. Attraverso il media del futuro, si parla dicotomicamente di memoria, le tracce che lasciamo volontariamente o involontariamente al nostro passaggio, le radici che intrecciano indissolubilmente il nostro passato, presente e futuro.

Domenica 26
11:00 - 12:00
Talk

Performing Media: agire nella visione, dalla videodanza al virtuale

Introduzione a cura di Carlo Infante (presidente di Urban Experience); intervengono: Enrico Coffetti (Cro.me Cronaca e Memoria dello Spettacolo, Milano), Lucia Carolina De Rienzo (COORPI, Torino) e Progetto PRO|D|ES Danza – Promozione Digitale Danza Estesa

Circolo dei lettori, Biblioteca | LINGUA: ITA

+

Performing media è un campo di ricerca che trova origine nell’ambito delle culture digitali e ancora prima della nuova danza e del teatro di ricerca affinato ai media, in particolare con il videoteatro, una singolarità italiana sviluppata nei primi anni Ottanta, con la Postavanguardia. Un fenomeno che si è poi esteso alle più diverse articolazioni, sondando le nuove frontiere del virtuale e dell’interaction design.

Domenica 26
12:00 - 12:45
Talk

L’intelligenza artificiale nel processo artistico

Intervengono: Kamilia Kard (artista, progetto: “HERbarium”), Mara Oscar Cassiani (artista, progetto: “AI Love, ghosts and uncanny valleys <3”) e Valerie Tameu (artista, progetto: “Metabolo” nell'ambito di Food Data Digestion progetto curato da Sineglossa)

Circolo dei lettori, Sala Grande | LINGUA: ITA

+

L’intelligenza artificiale entra nel processo artistico: come viene utilizzata e cosa può generare? Kamilia, Mara e Valerie, ospiti negli scorsi mesi presso la Lavanderia a Vapore – Centro di Residenza per la Danza, raccontano i loro processi artistici e l’utilizzo dell’intelligenza artificiale in alcuni casi come opera di trasfigurazione, in altri come mezzo di creazione.

Domenica 26
12:50 - 12:50
Talk

Esplorando il metaverso

Intervengono Domenico De Gaetano (direttore Museo del Cinema di Torino) e Manuela Rima (Rai Cinema); modera Elisabetta Rotolo (CEO e fondatrice MIAT Multiverse Institute For Arts and Technology)

Circolo dei lettori, Sala Grande | LINGUA: ITA

+

Attraverso l’esperienza di Rai Cinema e del Museo Nazionale del Cinema, proviamo a entrare nelle potenzialità della Realtà Virtuale e del Metaverso per il cinema e lo spettacolo. Il tutto avvalendoci della guida di Elisabetta Rotolo e del MIAT.

Domenica 26
14:00 - 14:50
Talk

Il VR come nuova frontiera

con Federico Basso (regista, direttore creativo produzioni video ETT) in dialogo con Simone Arcagni (direttore scientifico onLive Campus)

Circolo dei lettori, Biblioteca | LINGUA: ITA

+

Il VR si sta imponendo non solo come nuova frontiera nella fruizione cine-audiovisiva, ma anche come vero e proprio linguaggio innovativo, a sé stante, caratterizzato da una propria identità formale e da codici narrativi emblematici. A partire da tale questo contesto, all’interno della produzione in VR convivono non solo potenti valori aggiunti, quali l’immersività e la visione dinamica/interattiva, ma anche vincoli non trascurabili in termini di produzione dell’immagine.

Domenica 26
14:00 - 14:45
Talk

La filiera della produzione VR

Intervengono Emiliano Bronzino (direttore Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus), Omar Rashid (Gold), Pierfrancesco Pisani (Gold / Infinito), Max Viale (soundscape design per Tiny Uppercase – Bestiario Virtuale), Davide Borra (progettazione VR&UX per Tiny Uppercase – Bestiario Virtuale); modera Fabrizio Molducci (co-curatore e coordinatore eventi - ZED Festival)

Circolo dei lettori, Sala Grande | LINGUA: ITA

+

Come nascono le produzioni VR? Non ci vuole solo un’idea ma anche istituzioni ed enti che sappiano garantire una copertura economica, servono professionisti che conoscano il mezzo e servono contesti e spazi in cui mostrare i contenuti.

Domenica 26
15:00 - 15:50
Talk

AiEP: 35 anni di storia

con Ariella Vidach e Claudio Prati (AiEP Avventure in Elicottero Prodotti - Milano / Lugano)

Circolo dei lettori, Biblioteca | LINGUA: ITA

+

AiEP è un laboratorio artistico che ha fatto delle nuove tecnologie un punto di ricerca espressiva attenta all’innovazione del linguaggio e centrata su contenuti attuali come quello della percezione del proprio corpo nei confronti dell’ambiente virtuale. In 35 anni di attività i direttori artistici, Ariella Vidach (coreografa e danzatrice) e Claudio Prati (regista e videoartista), hanno esplorato l’utilizzo dei media interattivi in relazione al corpo e al movimento, creando opere d’arte multimediali sempre più raffinate e suggestive. Oltre alla produzione di spettacoli, AiEP svolge un importante ruolo di diffusione delle conoscenze sulle tecnologie interattive applicate all’arte performativa, organizzando festival e residenze produttive per giovani autori e progetti culturali interregionali Italia/Svizzera.

Domenica 26
15:00 - 15:45
Performance

Tiny Uppercase – Bestiario Virtuale

Produzione Balletto Teatro di Torino / Creazione e drammaturgia originali Carlo Massari - C&C Company / Diario drammaturgico Francesca Rosso - Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico / Progettazione VR&UX Davide Borra / Produzione 3D&VR No Real Interactive srl, AT Media srl, Motion Pixel / Video Matteo Maffesanti / Soundscape design Max Viale - Luca Martone / Sound mix-fonico live Luca Martone / Light design Ermanno Marini / Costumi Majatai / Progettista culturale Ewa Gleisner / In collaborazione con Istituto Musicale Città di Rivoli “Giorgio Balmas” nell’ambito di “Scene dal Vivo 22/23” / Con il sostegno di Fondazione Compagnia di San Paolo – Maggior sostenitore, Fondazione CRT / Con il contributo di Ministero della Cultura, Regione Piemonte, Comune di Torino - Torino Arti Performative

Circolo dei lettori, Sala Musica, Artisti

+

Prova l’esperienza in VR di Tiny Uppercase – Bestiario Virtuale del Balletto Teatro di Torino
Dal 6 dicembre al 9 gennaio sarà disponibile per il pubblico nella sala VR del Museo Nazionale del Cinema di Torino

Danza, musica, ricerca, realtà virtuale: la fusione di linguaggi performativi con le nuove tecnologie per dare vita alla produzione multidisciplinare “Tiny Uppercase – Bestiario Virtuale”. L’immersione in una vita altra: nel suo privato, nel suo intimo, il “dietro le quinte”. Un’esperienza soggettiva che offre l’opportunità di conoscere cinque umanità, cinque storie, universi differenti.

Tiny è un rituale-virtuale condiviso, dove non si resta spettatori passivi: si instaura un dialogo attivo a stretto contatto con il/la performer dentro il quale i limiti tra reale e virtuale, tra verità e fantasia, vacillano, si oltrepassano e il mezzo tecnologico diviene strumento per avvalorare ed esaltare il potere delle relazioni umane. Attraverso il media del futuro, si parla dicotomicamente di memoria, le tracce che lasciamo volontariamente o involontariamente al nostro passaggio, le radici che intrecciano indissolubilmente il nostro passato, presente e futuro.

Domenica 26
15:30 - 17:30
Talk

Tecnologie emergenti

Intervengono Massimo Migliorini (Fondazione LINKS), Andrea Basso (PTT), Giorgio Genta (Vice President & Partner ETT spa) e Omar Rashid (Gold); modera Paolo Giovine (Conversa)

+

Metaverso, IA, XR, nuove strategie di gamification etc. Quali sono le tecnologie emergenti messe a disposizione dello spettacolo dal vivo? Ne parliamo con alcuni protagonisti del panorama italiano.

Domenica 26
16:00 - 16:50
Lab

LANDI’S CUBE

con Margherita Landi (danzatrice e coreografa) e con la partecipazione di Amina Amici (Compagnia Zerogrammi)

Circolo dei lettori, Biblioteca | LINGUA: ITA

+

Margherita Landi ha sviluppato un approccio al corpo che passa dal visore VR, per metterla in diretta comunicazione con i performer che di volta in volta coinvolge nel processo attraverso il sistema del “Landi’s Cube”. Il visore diventa soglia tra il mondo reale e virtuale, tra visibile e invisibile, diventa così parte del processo generando intra-azioni più che inter-azioni come direbbe Karen Barad, ma soprattutto generando significati diversi, l’invisibile si “materializza” (“come to matter”) dando “importanza” (“come to matter”) ad aspetti e significati sempre nuovi.

Domenica 26
16:00 - 16:45
Talk

Chiusura dei lavori: la parola al Comitato Scientifico di onLive Campus

Circolo dei lettori, Sala Grande | LINGUA: ITA

+

Stato dell’arte dello spettacolo tecnologico, criticità, bisogni e aspettative ecco quanto emerso nella giornata di onLive campus e quali prospettive per il futuro.

Domenica 26
17:00 - 17:50